ALL'ARIA APERTA

Stelle
Livello Accessibilità
Nome
Tipologia Skip Navigation Links.
Hotel
Residence / Case Vacanza
Bed & Breakfast
Pensioni
Agriturismi
Campeggi
Località
Filtra Risultati
Mostra Altri

Livello Accessibilità
Nome
Tipologia Skip Navigation Links.
Ristoranti
Pizzerie
Pub & Birrerie
Enoteche
Bar & Caffè
Gelaterie
Pasticcerie
Località
Filtra Risultati
Mostra Altri

ALL'ARIA APERTA


IL MARE

Questo itinerario consente la scoperta di uno dei territori più qualificati del turismo balneare della regione per il mare pulito e la qualità dei servizi. E' la verde riviera fermana nei Comuni di Fermo, Altidona, Campofilone: un'area tranquilla, dotata di attrezzature turistiche, impianti sportivi, alberghi, camping, area sosta, ristoranti, stabilimenti balneari, piste ciclabili, bar, discoteche. Il mare offre innumerevoli occasioni per gli sportivi e per chi, anche in vacanza, non rinuncia ad una vita dinamica, itinerari cicloturistici, immersioni, parchi divertimento.
Il litorale del Fermano si trova a Nord della città di Fermo in località Lido di Fermo, Casabianca e Lido San Tommaso con circa 4 km di spiaggia; ; e più a sud in località Marina Palmese con circa 3 km . Le spiaggie di Lido di Fermo e Marina Palmense sono di sabbia e ghiaia (Bandiera Blu). Una pista ciclabile parte da Località Casabianca di Fermo ed attraversa Lido tre Archi. L'acqua è più bassa per la presenza di scogli frangi-flutti. Le strade sono percorribili e con ampi marciapiedi per lunghi tratti. In località Marina Palmense la spiaggia è più sassosa , priva di scogliere frangi flutti, con acqua subito profonda. Fermo nelle località di Lido di Fermo, Casabianca, Marina Palmense offre un mare pulito e buone attrezzature per praticare vela, windsurf, kitesurf. Le numerose strutture ricettive (alberghi, camping, agriturismo, etc.) propongono soluzioni adeguate per tutte le esigenze.

Lungo la costa sud di Fermo si incontra il suggestivo centro di Torre di Palme con un fantastico balcone panoramico sulla cima di un colle. Il borgo appartiene alla cerchia dei castelli fermani marini sorti sulla sommità dei colli e si distingue per la conservazione del suo ambiente e per l’uniformità stilistica degli edifici medievali e rinascimentali.

Scendendo verso sud si arriva alle spiagge di Marina di Altidona e Campofilone: Nastri di sabbia e sassi, privi di scogli frangi-flutti, dove l'acqua è subito alta. Proseguendo ancora più a sud, seguendo la pista ciclabile, è possibile visitare il Parco di “Due Ponti”: un'ampia area verde attorniata da alberi secolari dove è possibile svolgere attività di svago. La Spiaggia di Campofilone, situata tra le località “Tre Camini” e “Ponte Nina” si estende per circa 1500 metri, è prevalentemente destinata alla libera balneazione ed immersa in un ambiente scarsamente urbanizzato. Oltre ad un tratto ghiaioso, ha anche sabbia finissima che degrada dolcemente in mare. Le acque sono pulite, con fondale basso per la presenza di scogliere facilmente raggiungibili.


LA COLLINA E I MONTI

In prossimità della costa, su creste rocciose e colline con boschetti di rovere, frassino e carpino nero, svettano paesi dalle fattezze medievali. I paesaggi collinari, lungo questo percorso, sono interessati da vasti sistemi di erosione a solchi detti "calanchi". I versanti coinvolti hanno un aspetto caratteristico, modellato dall'acqua che incide la matrice della roccia creando un reticolo caratteristico. Inoltre destano particolare interesse quelle manifestazioni geomorfologiche che comunemente vengono chiamate “Vulcanelli di fango”. Risalendo verso i monti Sibillini, i fondovalle dei fiumi e dei torrenti si articolano in gole strette e boschi e vegetazione che tendono a cambiare passando da un’altitudine media a cime più elevate.
Dalla città di Fermo scendendo verso la zona collinare sulla strada provinciale Val d'Ete si arriva a Monteleone. Lungo il percorso del fiume Ete si incontrano i vulcanelli, uno dei fenomeni geologici più affascinanti del vulcanesimo sedimentario. Si tratta di piccole eruzioni melmose del sottosuolo che in questo momento vivono un periodo di attività. A differenza di quanto ipotizzato in passato si pensa che i vulcanelli possano avere funzioni terapeutiche.

Nel Comune di Monte Rinaldo è possibile visitare l’Area Archeologica del Santuario Ellenistico Romano “La Cuma”. Il complesso cultuale è costituito da un porticato, da un tempio e da un edificio rettangolare formato da un muro di arenaria e da due colonnati paralleli di ordine ionico – italico. La sua storia affonda le proprie radici nel periodo romano, la cui testimonianza può essere identificata nel grandioso tempio venuto alla luce nel suo territorio in località “La Cuma”, unitamente alle tante tracce di ville romane, ancora oggi in gran parte inesplorate.

A Smerillo si trova il balcone d'Italia, un terrazzo naturale di grande bellezza dove l'occhio spazia a 360 gradi dall'Abruzzo al Conero, passando per il mare; da vedere la Fessa, una spaccatura nella roccia arenaria ricca di fossili pliocenici.
Proseguendo verso i Sibillini si trova il Comune di Monte Fortino con le Gole dell'infernaccio, l’eremo di San Leonardo e il santuario della Madonna dell'Ambro. Le Gole dell’Infernaccio sono delle gole naturali, formate dal fiume Tenna ed aprono la strada a diversi percorsi turistici ed escursionistici come la cascata nascosta, la Sorgente del fiume Tenna (Capotenna) e l’Eremo di San Leonardo. Incastonato in un’ampia gola nel cuore dei Monti Sibillini, sorge il suggestivo Santuario della Madonna dell’Ambro. Posto alle pendici del Monte Priora e del Monte Castel Manardo, prende il nome dal vicino torrente Ambro ed è il santuario più antico delle Marche e, dopo quello di Loreto, il luogo mariano più importante e visitato.

IL BORGO PIU' BELLO DEL FERMANO

Moresco con il suo Castello, le sue strette vie e la piazza con il suo portico, con gli affreschi e gli edifici antichi perfettamente conservati, accoglie il visitatore in un’ atmosfera medioevale e magica. Sorge sulla sommità di un colle a controllo della sottostante valle dell’Aso; nel Medioevo fu roccaforte del Comune di Fermo nella guerra contro Ascoli. La sua posizione strategica è ancora evidente, dal borgo infatti si gode una spettacolare vista che spazia dal Monte Conero al Gran Sasso. Completamente cinto di mura, ha forma triangolare con al vertice l’imponente Torre Eptagonale (7 lati) del XII sec.



Progetto realizzato da:
Cogito cooperativa sociale arl Capodarco di Fermo
Confcommercio prov. Fermo - Confesercenti prov. Fermo
Associazione Commercianti prov. Fermo - APM Marche prov. Fermo
Informazioni: cogitocoopsoc@tiscali.it - T. 0734 671726
Banner Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale
Fermano Friendly Il Fermano per Tutti     SitoWeb Gal Fermano Leader SCARL © 2017 Fermano Friendly